E Gesù disse loro: «Mia moglie…»

Karen King con il frammento
Karen King con il frammento
(Clicca per zoomare)

A volte ritornano.
La vecchia bufala del matrimonio di Gesù e Maria Maddalena, malgrado le confutazioni, non ne vuol sapere di finire nel limbo…
Il 18 settembre 2012, durante il Convegno Internazionale di Studi Copti a Roma, una storica del Cristianesimo antico alla Harvard Divinity School, Karen L. King (foto), studiosa di vangeli gnostici e del ruolo delle donne nella chiesa primitiva, ha rivelato l’esistenza di un frammento di papiro che contiene una frase mai apparsa nelle Sacre Scritture:

«Gesù disse loro: “Mia moglie…”»

Per esteso, le frasi riconoscibili sono:
«Mia madre mi ha dato la vita… i discepoli chiesero a Gesù… negò. Maria è degna di questo… Gesù disse loro, “mia moglie”… potrà essere mia discepola. Che i malvagi si gonfino… per quanto mi riguarda, abiterò con lei per… un’immagine».

Il papiro risale al IV Sec. e conterrebbe un vangelo sconosciuto che la studiosa di Harvard ha chiamato “Vangelo della moglie di Gesù”, composto in lingua greca probabilmente nella seconda metà del II Sec.. Quest’ultima datazione è stata stabilita sulla base dell’influenza che questo scritto avrebbe subìto da opere gnostiche come il ‘Vangelo di Tommaso’ e il ‘Vangelo di Filippo’ (in cui Maria Maddalena è citata in un modo da dare la sensazione di essere la moglie di Gesù). Il frammento contiene un dialogo tra Gesù e i suoi discepoli in cui Gesù fa riferimento a «Maria» sua «moglie»; sul lato posteriore sono visibili invece solo cinque parole.

La stessa professoressa è comunque molto chiara nel dire che questo nuovo papiro non deve essere elevato a prova unica. «Non possiamo subito pensare che Gesù, la persona storica, fosse sposato. Il testo è stato scritto secoli dopo la vita di Gesù e tutte le fonti precedenti, e storicamente attendibili, nella letteratura cristiana tacciono». Quel che può provare il papiro è che «c’era una discussione aperta fra i primi cristiani sul punto».

Siamo dunque di fronte all’ennesimo vangelo “apocrifo” — in particolare, della tradizione gnostica —, circolante a partire dal II Sec. insieme alle decine e decine di altri, e poi perduto nel IV/V Sec. quando il “canone” si affermò e questa intera produzione letteraria fu fatta sparire dalla circolazione.
Questo nuovo “caso”, però — non ho personalmente dubbi! — non mancherà di riaprire a breve una vana quanto sensazionalistica discussione che, cessato il fenomeno Dan Brown (Codice da Vinci), sembrava finalmente sopita… Con buona pace della ricerca seria.

La notizia sui siti web:

New York Times
BBC

Giornalettismo
La Stampa
Agi
Quotidiano.net
La Repubblica
Corriere della Sera

Il mio libro su Amazon, dedicato alla questione Maria Maddalena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: