“Scie chimiche”, la fola che vola

È una fola (= bufala) volante, che percorre i nostri cieli da oltre 15 anni, minacciosa, che parla di sostanze chimiche rilasciate tra le nuvole da misteriosi velivoli, «per avvelenare l’aria» e provocare, addirittura, genocidi. Però è una fola di cui sappiamo vita, morte e miracoli: da quando fu lanciata su internet da una maldestra... Continue Reading →

Il “malleus maleficarum” della Rete. Scritto in una settimana

Dove va il mondo? Dov’è la “crescita”? Dove lo sviluppo? È risaputo, basta guardarsi intorno: la Rete. La libera circolazione delle informazioni. La democrazia partecipata. I tablet. Gli smartphone. Gli e-book. Il software. L’innovazione. La tecnologia. E quella grande prateria digitale che vede scorrazzare sia i giganti del web e dell’informatica, Google, Amazon, Apple, Facebook,... Continue Reading →

Il nulla in streaming — 2. Se internet diventa tv

Secondo round dei colloqui “in streaming” fra i leader del Movimento 5 Stelle e membri dell’establishment politico di lungo corso. Il presidente del consiglio incaricato, Enrico Letta, vicesegretario dello stesso partito del primo round (il PD), “vendica” il segretario Bersani, nel frattempo dimissionario, trasformando lo streaming in un “salotto di Vespa”: eloquenza forbita, generalismi, retorica... Continue Reading →

Il nulla in streaming

È come quella nausea mista a delusione che ti prende quando iTunes ti propone le classifiche dei brani più scaricati della settimana, musica che potresti avere in cinque secondi mentre all’epoca del vinile dovevi aspettare un mese che il tuo negoziante portasse il disco. È come quella rabbia che ti coglie guardando i vecchi filmati sgranati... Continue Reading →

Che fine ha fatto il Rock

Da un po’ di anni mi chiedo come sia successo che “il Rock è morto”, come mai non vengano più fuori artisti come Beatles, Pink Floyd, Led Zeppelin, Genesis, Jimi Hendrix, Who, Yes, Doors, Traffic, Cream... Fra le due estati a cavallo fra 1969 e 1970 sono uscite opere come Abbey Road, Ummagumma, Tommy, Led... Continue Reading →

Nativo digitale, irreperibile come il suo pensiero

Cos’è un “nativo digitale”? Qualcuno ne ha mai visto uno? Stando ai dizionari di slang, “nativi digitali” sarebbero i giovani degli Anni ’10, la generazione nata davanti al computer e alle consolle, che quindi malsopporterebbe i libri, “l’analogico”, e a scuola la didattica tradizionale a base di quadernini, penne biro e lavagne di ardesia. Nei... Continue Reading →

Il finestrino di Google

Qui in Italia ancora non abbiamo capito cosa sia la Net Economy e quale incredibile volàno della famigerata “crescita” essa sia. Governo, Confindustria e Sindacati, coi politici ben nascosti ma presenti anche loro, ce la stanno menando da dieci giorni con la “riforma del lavoro”, ossia con un rimescolamento delle regole di ciò che “esiste... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑