Il nulla in streaming — 2. Se internet diventa tv

Secondo round dei colloqui “in streaming” fra i leader del Movimento 5 Stelle e membri dell’establishment politico di lungo corso. Il presidente del consiglio incaricato, Enrico Letta, vicesegretario dello stesso partito del primo round (il PD), “vendica” il segretario Bersani, nel frattempo dimissionario, trasformando lo streaming in un “salotto di Vespa”: eloquenza forbita, generalismi, retorica... Continue Reading →

Annunci

Il nulla in streaming

È come quella nausea mista a delusione che ti prende quando iTunes ti propone le classifiche dei brani più scaricati della settimana, musica che potresti avere in cinque secondi mentre all’epoca del vinile dovevi aspettare un mese che il tuo negoziante portasse il disco. È come quella rabbia che ti coglie guardando i vecchi filmati sgranati... Continue Reading →

Nativo digitale, irreperibile come il suo pensiero

Cos’è un “nativo digitale”? Qualcuno ne ha mai visto uno? Stando ai dizionari di slang, “nativi digitali” sarebbero i giovani degli Anni ’10, la generazione nata davanti al computer e alle consolle, che quindi malsopporterebbe i libri, “l’analogico”, e a scuola la didattica tradizionale a base di quadernini, penne biro e lavagne di ardesia. Nei... Continue Reading →

Drive in 2.0

Ora pare che si stiano preparando ad “adeguarsi al nuovo”. Che non è più la “tv libera” ma la Rete, ugualmente libera. (Ancora non hanno capito il significato del termine “libertà”, pur essendosene appropriati nel nome e nei simboli...) «Com’è che ’sti ‘grillini’ sono arrivati al 18% nei sondaggi, appena dietro il PD?», devono essersi... Continue Reading →

Rinascimento satirico

Nell’Italia dei social network sta accadendo un fenomeno curioso che non ha paragoni da nessun’altra parte nel mondo. Guardiamo le bacheche: milioni di persone, letteralmente, si sono trasformate in AUTORI SATIRICI. Ridiamo di tutto e di tutti. Forse è perché non c’è rimasto altro da fare, in un clima di declino da “fine impero”, preludio... Continue Reading →

Un grido di dolore digitale

Recita un famoso aforisma che «si apprezza veramente qualcosa solo quando la si perde». Con l’autocensura preventiva di Wikipedia Italia ci si cala completamente in tale archetipo: perché si è persa una cosa il cui valore è inestimabile. La gratuità del sapere. Per la prima volta nella Storia dell’umanità, lo “scibile” è stato portato a... Continue Reading →

Sucate, il vento del cambiamento

Amministrative italiane “di mid-term”. In Italia non è avvenuta alcuna rivoluzione, i ragazzi non si sono radunati nelle piazze per sfidare il potere politico e quello militare, e i social media non hanno svolto alcun ruolo eversivo. Nemmeno Berlusconi, nel plenum con i suoi sodali in cui analizza i risultati del voto, li cita come... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑